Seconda giornata del congresso Sise a Padova

Padova: al via il congresso internazionale del comitato Sise Italia-Spagna
18 ottobre 2019
Convegno Sise a Padova: i ringraziamenti del presidente Taccolini
23 ottobre 2019

Seconda giornata del convegno internazionale di studi Sise e del Comitato Italia-Spagna di storia economica sul tema: “La resilienza economica di fronte agli scenari di crisi: territori, settori e imprese”. La quinta e la sesta sessione sono ospitate a Palazzo del Bo sempre a Padova.

“La recente grande crisi e le sue profonde ripercussioni in diversi paesi hanno accentuato l’interesse delle scienze sociali per la resilienza di territori, industrie ed imprese di fronte a traumatici mutamenti negli scenari della competizione globale. La questione chiave è spiegare perché i medesimi problemi generano conseguenze molto diverse; perché in alcuni casi si soffre un forte regresso mentre in altri si dimostra capacità di adattamento ai cambiamenti e di superamento delle difficoltà. Si tratta di comprendere in che modo le imprese e i territori resilienti hanno potuto assorbire gli shocks indotti dai nuovi scenari, dimostrando capacità di riconversione e rilancio grazie ad innovazioni produttive ed organizzative, a strategie aziendali e comportamenti imprenditoriali capaci di sviluppare nuove abilità e di ottenere risultati anche migliori dei precedenti. La Storia Economica può dare un forte contributo a questo dibattito, dato che gli impatti recessivi di varia natura si sono ripetutamente manifestati nel corso del tempo e le loro cause e conseguenze sono state uno dei suoi principali temi di ricerca. In occasione del ventennale dei Congressi biennali Italia – Spagna di Storia Economica, Il Consiglio Direttivo della SISE ha deciso di far coincidere il convegno autunnale 2019 della Società con l’XI Congresso Italia – Spagna. Il tema “La resilienza economica di fronte agli scenari di crisi: territori, settori e imprese” intende evidenziare la varietà degli apporti degli storici economici agli studi attuali sulla resilienza, assumendo come ambito temporale preferenziale, ma non esclusivo, l’età contemporanea”.