La prima scuola estiva su “Lavori e lavoratori del mare” il prossimo giugno a Napoli

Assegno di ricerca triennale all’Università di Trento: il bando Historegio
27 febbraio 2018
Convocata l’assemblea annuale della Sise a Padova sabato 14 aprile
4 marzo 2018

Lavori e lavoratori del mare. 1° Scuola estiva della Società italiana di storia del lavoro (SISLav) in collaborazione con Istituto di Studi sulle Società del Mediterraneo (ISSM-CNR) Napoli, 18-22 giugno 2018
(presso la sede dell’ISSM-CNR, via G. Sanfelice, 8)

La 1° Scuola estiva della Società italiana di Storia del Lavoro (SISLav) si propone di affrontare una serie di snodi fondamentali, ma sino ad ora relativamente trascurati, nella storia del lavoro, attraverso lo studio di un gruppo specifico e ben individuato, quello dei lavoratori del mare. Un ambito d’indagine sul quale mettere alla prova nuovi approcci metodologici e questioni di ricerca nel campo della produzione e del commercio, del reclutamento e della mobilità, dei saperi e della formazione, dell’organizzazione e del conflitto. Questi temi saranno al centro della parte didattica della Scuola, in un’ottica di lungo periodo e attraverso l’analisi di un ampio spettro di figure (portuali, marinai, pescatori, cantieristica, commercio, trasformazione ittica, ecc.).
La Scuola estiva consentirà a giovani ricercatori di incontrare e discutere con studiosi già affermati nel campo della storia del lavoro, in un’ottica di condivisione e trasmissione dei saperi, facilitata dalla stanzialità residenziale e dall’alternarsi di momenti strutturati e informali di scambio.
Nei giorni della Scuola si alterneranno al mattino lezioni dei docenti e discussioni generali e al pomeriggio seminari sui progetti di ricerca dei borsisti. Saranno organizzati anche momenti di approfondimento con escursioni mirate sul territorio e una tavola rotonda per mettere a confronto passato e presente.
I progetti di ricerca presentati dai corsisti dovranno essere centrati sulla storia del lavoro senza per questo essere necessariamente legati alle tematiche marittime. I progetti saranno discussi pubblicamente dai docenti e dagli altri corsisti nel corso dei seminari pomeridiani. A ogni borsista sarà assegnato un docente per la discussione, l’approfondimento e il miglioramento del progetto. Società Italiana di Storia del Lavoro c/o Dissgea, via Vescovado 30 – 30141 Padova C.F. 95164210106 Email: storialavoro@gmail.com

Per questo motivo calendario ed offerta didattica saranno definiti dopo la scelta dei borsisti, in modo da armonizzare specificità metodologiche, problemi e ambiti spazio-temporali fra docenti e corsisti e da favorire così lo scambio e la crescita.
La lingua di lavoro della scuola sarà l’italiano, mentre i progetti potranno essere presentati anche in francese, spagnolo e inglese. Per favorire la comprensione reciproca, tutte le relazioni seminariali dovranno essere accompagnate da una serie di slides in un’altra delle lingue citate.
La scuola offre a 15 corsisti non residenti a Napoli l’alloggio e un contributo complessivo di 50 euro per il vitto. I corsisti saranno selezionati da un Comitato scientifico sulla base del progetto di ricerca e del profilo scientifico. Possono presentare domanda laureandi, laureati, dottorandi e dottori di ricerca con tesi di storia del lavoro.
La domanda va presentata entro il 31 marzo 2018 inviando una email a storialavoro@gmail.com, allegando un sintetico progetto di ricerca e un breve curriculum (entrambi di max 10.000 battute). A tutti verrà data una risposta entro il 15 aprile. Il calendario dettagliato sarà reso pubblico entro il 15 maggio 2018. In caso di rinuncia il borsista si impegna a informare tempestivamente il Comitato organizzatore che ri-assegnerà il posto.
Padova-Napoli, 1 marzo 2018

Comitato scientifico: Paolo Cammarosano (Univ. Trieste), Salvatore Capasso (ISSM-CNR), Andrea Caracausi (Univ. Padova – SISLav), Marco Doria (Univ. Genova), Giuseppe Marcocci (Univ. Oxford), Paolo Raspadori (Università di Perugia), Cristina Vano (Univ. Napoli “Federico II”),
Comitato organizzatore: Virginia Amorosi (Università di Napoli “Federico II”), Michele Colucci (ISSM-CNR), Stefano Gallo (ISSM-CNR), Michele Nani (ISSM-CNR), Roberto Rossi (Università di Salerno)